Jump to content

DiRT Rally 2.0 Road Book – recording co-driver calls

Recommended Posts

Co-driver calls are one of the most critical components of a rally game. With no mini-map, no sat nav, and no other way of knowing what lies behind the next corner, accurate and timely co-driver calls are crucial to making sure you and your car make it through a stage in one piece.

They’re also very important to immersion, too – not only do they perform the function of navigation, but when done well, they make you feel much more a part of the world you’re rallying within. With DiRT Rally 2.0, we’ve worked very hard to make it feel as authentic to the real-life experience as possible.

At the helm of putting calls together for you is Codemasters Dialogue Producer Olly Johnson, who took some time out of his hectic schedule of recording co-driver calls to talk to me about DiRT Rally 2.0. I caught up with him about the method behind recording co-driver calls, what additions and refinements DiRT Rally 2.0 will introduce, and what sort of equipment we use to get the full effect.

Talking about the original DiRT Rally, Olly was keen to drive home how that set the foundations for how we recorded our calls. ‘Because DiRT Rally was experimental in so many ways, it allowed us to be more experimental with our co-driver calls too. Historically we always wanted to do what we have done for DiRT Rally, and we came up with all sorts of daft ideas for trying to capture vibrations in our co-driver voices – but with DiRT Rally, our Lead Audio Designer Stuart Ross was able to get Paul Coleman into the d-box to see how well the calls would work with an authentic level of stress.’

dbox.jpg

They recorded his lines just once, at first – but it soon became apparent that more nuance was needed for calls. ‘The wobbliness of his voice sounded a bit funny if you were just starting off, or if your car had been reset. We realised pretty immediately that we would need to record the calls a few times to make sure we had the right level of stress for different situations.’

This led to Paul recording the calls for DiRT Rally three times: once with no stress or impact on the diaphragm, a second run with a medium impact (the one most commonly heard in game), and finally, a third super-fast run with the d-box ‘turned up to 11’, to really capture the stress and heightened tones of a co-driver voice in the throes of a blisteringly quick run.

Because of DiRT 4’s track-generation technology, we had to take a slightly different approach to recording co-driver calls – but with DiRT Rally 2.0, the aim was to capture the same level of authenticity as we did in the original but with added refinements and detail. To build on something which was widely regarded as the most authentic pace-notes experience out there a difficult challenge, Olly explains: ‘We knew we were ahead of the game with DiRT Rally’s co-driver calls, and we didn’t want to completely change everything and undo the good work we’d done in the first game. However what we did want to do is expand on that, and make subtle changes here and there to make it feel more authentic.’

One of the ways we’ve done this is at the very start of a stage: ‘Co-drivers aren’t voice actors – so in previous games, when we’d ask them to record some “good luck” lines before a stage started, it sometimes felt a bit stilted. With DiRT Rally 2.0 we’ve actually got our co-drivers introducing the first couple of corners before you start, which feels much more natural – both to the co-driver and you, the driver.

When we spoke to Phil (Phil Mills, the English language co-driver for DiRT Rally 2.0) about doing this, he actually said that’s what he would do with Petter (Petter Solberg, 2003 World Champion) on a stage – and Jon (Jon Armstrong, Codemasters rally consultant) also said this is what he does with his co-driver before the stage kicks off. So in terms of the experience and how real it sounds, it’s definitely legit and a lot more realistic than our previous stage intros.’

As we did in the first DiRT Rally, we recorded Phil’s runs three times – one with no stress, one with medium stress, and one with high stress – so for whatever your scenario or driving style, we have something that keeps you fully immersed in the scenario you’re in. If you’re wondering what that looks like, here’s a quick video demonstrating the how much we rattled him around in the d-box for each variation:

It’s also really important to note that while we were only able to do this for English language co-drivers in DiRT Rally, we’re expanding the roster of languages who have native language co-driver calls. ‘Ryan Champion’s been amazing not just in the handling department, but with the people he’s been able to connect us to,’ said Olly. ‘We’re super proud to have more actual co-drivers making calls for DiRT Rally 2.0, and at launch we’ll have German and French language calls made by real-life co-pilots.’

In fact, our German co-driver voice is that of Tanja Geilhausen, who has co-driving experience in the WRC – and she’s been in this week to record her calls.

 

View this post on Instagram

 

A post shared by DiRT (@dirtgame) on

‘Tanja and Phil have been in so far to record their calls and to watch them in the zone is amazing. They make it look easy, but realistically they have so much to juggle at the same time – they’re trying to read from a piece of paper while being thrown around in the motion simulator, while trying to look at the stage, and their bodies are undergoing a very similar amount of stress as they would during an actual rally.’

The process of making pace notes is an interesting one too, as of course, they don’t get to go on the usual kind of recce. They do get to see the stages as ran by Jon Armstrong, so they are able to formulate pace notes – but particularly with the tracks that aren’t necessarily finished while those calls are being recorded, things can change throughout the level design/building process.

‘When we recorded the New Zealand calls, the stage wasn’t 100% finished – so when level design started adding more furniture like rocks and trees, a few “cuts” became “don’t cut”!’ In this instance, the pace notes are more collaborative – as Jon Armstrong will then work with Phil on refining the pace notes further to make it more accurate to the final stage.

Once that is done, the pace note audio files are cut up into small chunks and invisible triggers are set on stages to ensure the right notes, with the right amount of stress, go to the driver at the right time. ‘When you’re going through a stage, we want what you hear to perfectly correspond to what you’re playing – so using different versions and triggers is our way of understanding your driving and making sure the co-driver audio is tailored to your experience.’

WhatsApp-Image-2018-10-12-at-09.55.071.j

You might’ve noticed from the video that we also use all of the proper co-driving equipment to record co-driver calls. ‘We try to record it as authentically as possible – so take with Phil, it’s his voice, and he’s wearing his helmet, and we’re recording his calls by taking the audio from his mic. Similarly with Neil Cole, for the first time we’ve recorded his spotter through the headsets the real life WorldRX spotters wear in real life, just to give that added level of authenticity.’

And what of the co-drivers make of the experience themselves? ‘Phil absolutely loves it. At the end of every stage we’ve recorded, he’s paused and just gone “Brilliant!” afterwards. It’s a sight to behold when he’s in the zone too; bearing in mind that we’re asking him to do 18-20 rally stages in a week and he makes no mistakes, it just shows you how at the top of his game he is.

‘We also mentioned to him that we drove Nicky (Nicky Grist, former co-driver and DiRT 4 co-driver voice) into a few trees and off cliffs a few times to get the ‘reaction’ noises, and he couldn’t wait to have a go. We actually got Jon to sit next to him with a helmet on to do these – so Jon would drive him off the cliff and Phil would react to every bump and roll. Because Jon was there, after the car had stopped tumbling, he’d actually look over to Jon and say “are you OK?” – and it’s that level of realism that makes DiRT Rally 2.0 stand out so much.

‘As as a driver, when you’re in the zone, you’re in the zone, and we want it to feel real. Not robotic, not acted, but real – and with this, it is real. We use their equipment, we shake them around in the d-box, and the amount of stress we put upon them makes it real.’

View the full article

Share this post


Link to post
Share on other sites

I heard the voice of Tanja Geilhausen in some pre-release videos yesterday. Unfortunately, to me she sounded a bit lifeless and dispassionate, especially before and after the drive. Maybe a good voice actor would be a better choice than a real co-driver in some cases. I hope there will be more German voices added in the future.

Share this post


Link to post
Share on other sites
On 12/10/2018 at 12:54, CodiesBlogBot said:

Le chiamate del navigatore sono uno dei componenti più critici di un gioco di rally. Senza mini-mappa, senza navigatore satellitare e nessun altro modo per sapere cosa c'è dietro l'angolo successivo, le chiamate accurate e tempestive al secondo conducente sono cruciali per far sì che tu e la tua auto riuscirete a superare un palco in un unico pezzo.

Sono anche molto importanti per l'immersione - non solo svolgono la funzione di navigazione, ma quando sono fatti bene, ti fanno sentire molto più parte del mondo in cui ti stai radunando. Con DiRT Rally 2.0, abbiamo lavorato molto duramente per renderlo il più autentico possibile nell'esperienza di vita reale.

Al timone di mettere insieme le chiamate per voi è il produttore di dialoghi Codemasters Olly Johnson, che ha preso un po 'di tempo dal suo frenetico programma di registrazione delle chiamate al co-autista per parlarmi di DiRT Rally 2.0. L'ho incontrato sul metodo che sta dietro la registrazione delle chiamate al co-driver, su quali aggiunte e perfezionamenti DiRT Rally 2.0 introdurrà e su quale tipo di apparecchiatura utilizzeremo per ottenere il massimo effetto.

Parlando del DiRT Rally originale, Olly ha voluto guidare a casa come questo ha posto le basi per come abbiamo registrato le nostre chiamate. "Poiché DiRT Rally è stato sperimentale in molti modi, ci ha permesso di essere più sperimentali anche con le nostre chiamate co-driver. Storicamente abbiamo sempre voluto fare ciò che abbiamo fatto per DiRT Rally, e abbiamo inventato ogni sorta di idee stupide per provare a catturare le vibrazioni nelle voci dei nostri copiloti - ma con DiRT Rally, il nostro Lead Audio Designer Stuart Ross è stato in grado di porta Paul Coleman nel d-box per vedere se le chiamate funzioneranno con un livello di stress autentico. "

dbox.jpg

Hanno registrato le sue battute solo una volta, all'inizio - ma presto è apparso chiaro che per le chiamate era necessaria più sfumatura. "La sobrietà della sua voce suonava un po 'strana se tu fossi appena partito, o se la tua macchina fosse stata resettata. Ci siamo resi conto subito che avremmo dovuto registrare alcune chiamate per assicurarci di avere il giusto livello di stress per le diverse situazioni. "

Ciò ha portato Paul a registrare le chiamate per DiRT Rally per tre volte: una volta senza stress o impatto sul diaframma, una seconda corsa con impatto medio (quella più comunemente ascoltata nel gioco) e, infine, una terza corsa super veloce con la d-box 'è arrivata fino a 11', per catturare lo stress e i toni intensi di una voce da co-autista in preda a una corsa rapida.

A causa della tecnologia di generazione di tracce di DiRT 4, abbiamo dovuto adottare un approccio leggermente diverso per la registrazione delle chiamate al co-driver - ma con DiRT Rally 2.0, l'obiettivo era quello di catturare lo stesso livello di autenticità che avevamo nell'originale ma con ulteriori perfezionamenti e dettagli Per costruire qualcosa che è stato ampiamente considerato come la più autentica esperienza delle note su una difficoltà difficile, Olly spiega: "Sapevamo di essere in vantaggio con le chiamate di co-driver di DiRT Rally e non volevamo completamente cambia tutto e annulla il buon lavoro che abbiamo fatto nel primo gioco. Tuttavia, ciò che volevamo fare è ampliarlo e apportare piccoli cambiamenti qua e là per farlo sentire più autentico. "

Uno dei modi in cui lo abbiamo fatto è all'inizio di una fase: "I copiloti non sono doppiatori, quindi nei giochi precedenti, quando chiedevamo loro di registrare alcune linee di" buona fortuna "prima di una fase iniziato, a volte si sentiva un po 'truccato. Con DiRT Rally 2.0 abbiamo effettivamente fatto in modo che i nostri co-driver introducessero il primo paio di curve prima di iniziare, il che è molto più naturale, sia per il copilota che per te, il guidatore.

Quando abbiamo parlato con Phil (Phil Mills, il co-pilota di lingua inglese per DiRT Rally 2.0) riguardo a questo, ha detto che è quello che avrebbe fatto con Petter (Petter Solberg, campione del mondo 2003) su un palco - e Jon (Jon Armstrong, consulente di Codemasters rally) ha anche detto che questo è ciò che fa con il suo copilota prima che la fase inizi. Quindi, in termini di esperienza e di quanto sia reale, è decisamente legittimo e molto più realistico delle nostre introduzioni precedenti. "

Come abbiamo fatto nel primo DiRT Rally, abbiamo registrato le corse di Phil tre volte - una senza stress, una con stress medio e una con stress elevato - quindi per qualsiasi scenario o stile di guida, abbiamo qualcosa che ti tiene completamente immerso lo scenario in cui ti trovi. Se ti stai chiedendo come si presenta, ecco un breve video che dimostra quanto lo abbiamo sconcertato nella d-box per ogni variazione:

È anche molto importante notare che, mentre eravamo in grado di farlo solo per co-driver in lingua inglese in DiRT Rally, stiamo espandendo il roster di lingue che hanno chiamate di co-driver in lingua nativa. "Ryan Champion è stato straordinario non solo nel reparto di handling, ma con le persone a cui è stato in grado di connetterci", ha detto Olly. 'Siamo super orgogliosi di avere più co-driver effettivi che fanno chiamate per DiRT Rally 2.0, e al momento del lancio avremo chiamate in lingua tedesca e francese fatte da co-piloti di vita reale.'

In effetti, la nostra voce di navigatore tedesco è quella di Tanja Geilhausen, che ha esperienza di co-guida nel WRC - ed è stata in questa settimana per registrare le sue chiamate.

'Tanja e Phil sono stati finora in grado di registrare le loro chiamate e vederli nella zona è incredibile. Lo fanno sembrare facile, ma realisticamente hanno così tanto da fare allo stesso tempo: stanno provando a leggere da un pezzo di carta mentre vengono gettati nel simulatore di movimento, mentre cercano di guardare il palco e i loro corpi stanno subendo una quantità molto simile di stress come farebbero durante un vero rally ".

Anche il processo di creazione delle note di andatura è interessante, poiché, naturalmente, non è possibile ricorrere al solito tipo di recce. Sono in grado di vedere gli stage di Jon Armstrong, quindi sono in grado di formulare le note di andatura - ma in particolare con le tracce che non sono necessariamente finite mentre quelle chiamate vengono registrate, le cose possono cambiare durante il processo di progettazione / costruzione del livello .

"Quando abbiamo registrato le chiamate neozelandesi, il palco non era finito al 100%, quindi quando il design del livello ha iniziato ad aggiungere altri mobili come rocce e alberi, alcuni" tagli "sono diventati" non tagliare "! In questo caso, le note di ritmo sono più collaborative - come Jon Armstrong lavorerà poi con Phil per perfezionare ulteriormente le note di ritmo per renderlo più preciso allo stadio finale.

Una volta fatto ciò, i file audio della nota di andatura vengono tagliati in piccoli pezzi e i trigger invisibili sono impostati su stadi per assicurare le note giuste, con la giusta quantità di stress, per andare al conducente al momento giusto. "Quando stai attraversando un palco, vogliamo che ciò che senti corrisponda perfettamente a ciò che stai suonando - quindi usare diverse versioni e trigger è il nostro modo di comprendere la tua guida e assicurarti che l'audio del navigatore sia su misura per il tuo Esperienza.'

WhatsApp-Image-2018/10/12-at-09.55.071.j

Potresti aver notato dal video che usiamo anche tutte le attrezzature di co-guida per registrare le chiamate del co-driver. "Cerchiamo di registrarlo nel modo più autentico possibile - quindi prendi con Phil, è la sua voce, e indossa il suo casco, e stiamo registrando le sue chiamate prendendo l'audio dal suo microfono. Allo stesso modo con Neil Cole, per la prima volta abbiamo registrato il suo spotter attraverso le cuffie che gli osservatori della vita reale della WorldRX indossano nella vita reale, solo per dare quel livello aggiuntivo di autenticità. "

E che ne pensano i co-driver dell'esperienza? 'Phil lo ama assolutamente. Alla fine di ogni fase che abbiamo registrato, è stato messo in pausa e subito dopo "Brilliant!". È uno spettacolo da vedere anche quando si trova nella zona; Tenendo presente che gli stiamo chiedendo di fare 18-20 fasi di rally in una settimana e non fa errori, ma mostra semplicemente come è al vertice del suo gioco.

"Abbiamo anche detto che abbiamo guidato Nicky (Nicky Grist, ex copilota e voce di co-pilota DiRT 4) in alcuni alberi e scogliere alcune volte per ottenere i rumori della" reazione ", e non poteva aspettare avere un via. In realtà abbiamo fatto sedere Jon accanto a lui con un elmetto per farlo, così Jon lo avrebbe scacciato dalla scogliera e Phil avrebbe reagito a ogni colpo. Dato che Jon era lì, dopo che l'auto aveva smesso di ruzzolare, in realtà guardava verso Jon e diceva "stai bene?" - ed è quel livello di realismo che rende DiRT Rally 2.0 così importante.

"Come pilota, quando sei nella zona, sei nella zona e vogliamo che si senta reale. Non robotico, non recitato, ma reale - e con questo, è reale. Usiamo il loro equipaggiamento, li scuotiamo in giro nella d-box e la quantità di stress che mettiamo su di loro lo rende reale. "

Visualizza l'articolo completo

in the game you do not see this difference in stress. I am Italian, and many Italians like me are in trouble with pacenotes. the translation from English into Italian then makes Italian the very bad pacenotes, we are not used to this English system. many words do not exist in our pacenotes, even driving becomes difficult. I am very sorry for this policy used on pacenotes

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×